CiCCiO.iT » Cambiare lavoro, vita, Lasciare l'azienda, fare il fotografo.

Bah, proporsi ogni anno di perdere mezzo kg e ritrovarsi puntualmente il 1° gennaio successivo a pesare con precisione microgrammica come l’anno precedente ha come unico effetto il rischio di metterti di fronte concretamente alla tua incapacità di mantenere gli obiettivi.

Quest’anno ho quindi deciso di cambiare solo il tipo di obiettivo e quindi di delusione fra un anno. La dichiaro prima come fanno quelli cazzuti a biliardo, palla 8 in buca d’angolo, sennò sembra che ti è andata di culo.

Il mio obiettivo per quest’anno è di arrivare a suonare questo:

Ambizioso lo so, ma come dice David Hobby, se punti a 100 e raggiungi l’obiettivo, sei felice perchè hai raggiunto il risultato. Se punti a mille e arrivi a 900, hai fallito ma hai comunque raggiunto un risultato decisamente migliore.

Nel mezzo cercherò di postare qualche avanzamento e vediamo come va!

E siccome un post non ha senso senza una foto:

Lungi da me l’idea di diventare uno Youtuber.
Innanzitutto non ho la sedia adatta, tipo sedile Sparco. La mia costa 23€ presa al Carrefour di via Vigentina, quello con parcheggio progettato da Stevie Wonder dove la domenica dopo pranzo o il 27 quando arriva lo stipendio è tipo arena Demolition Derby.

Solo che, come accade a chiunque, mi arriva l’altro giorno un messaggio che mi avverte che sto finendo lo spazio sullo storage esterno. (8TB per la cronaca).

Accingendomi a fare pulizia mi accorgo quindi che il grosso dello spazio è occupato non da pornelli scaricati, non da milioni di foto d’archivio di 5 anni di matrimoni ma dai video personali. Ora, che ci crediate o meno, purtroppo è quasi tutto materiale pubblicabile, quello che non si può pubblicare è perchè contiene pubblicità o materiale coperto da diritto d’autore.

Ci sono video di 30″ che tengono tipo 2 TB. Compro quindi un programmino per convertire batch i video e riscopro tutta una vita passata. Ed è un peccato mi dico che muoia tutta su un cavolo di Network attached storage.

Ho deciso quindi di recuperare e pubblicare il pubblicabile, a futura memoria soprattutto dei due delinquenti protagonisti del primo video.

Siccome tutti ci dicono sempre che sembriamo la famiglia del mulino bianco, ecco, sappiate che il “behind the scenes” è spesso molto diverso dall’ “Highlight reel”. Spesso vai a vedere un film perchè il trailer è pazzesco, poi ti rendi conto che solo grandi effetti e un gran noia di trama.

E scopri che anche le supermamme a volte hanno i brufoli!

E siccome un post non è bello senza una foto…

Ed ecco il momento che tutti attendevate: l’ultima lezione. Non perché contenga nulla di entusiasmante ma proprio perché è l’ultima. Se proprio ti vuoi male ti ricordo gli episodi 1,2,3 e 4.
In questa lezione affronto tutti i temi e le peculiarità della fotografia di ritratto.

Il ruolo del soggetto all’interno dell’inquadratura, come l’illuminazione influisca sul suo aspetto e come interagire con lo stesso.

Inoltre nella seconda parte della lezione maltratto il manipolo di malcapitati partecipanti del corso usandoli come modelli.

Non resta che augurarvi sogni d’oro!

Luce

Ed eccoci a parlare della cosa più importante in fotografia. No, non si tratta di avere una bella gnocca in bikini a disposizione per fare foto ad catzum anche se taluni ci campano e anzi ci hanno fatto fortuna (mettete un nome voi a casa, so che ci avete preso).

Si tratta della luce.

Anche se suona accademico e retorico, qualunque cosa voglia dire, fotografia vuol dire esattamente scrivere con la luce. Fa ridere quando te lo dice qualcuno che sta tenendo un corso di fotografia ma forse perchè l’ha letto in un libro e non comprende appieno la grande verità che ti sta regalando.

Fare una foto significa comprendere e quindi essere in grado di manipolare le proprietà della luce. Dalle più semplici e intuibili come l’intensità o il colore fino a quelle più ostiche come la dimensione apparente, arrivando alle formule che ne regolano il comportamento come la legge dell’inverso del quadrato della distanza.

In questa lezione si parla di tutte queste proprietà e di come, manipolandole, sia possibile influire in maniera sostanziale sul risultato finale.

A voi quindi la visione, e se vi siete persi le lezioni precedenti ecco dei comodi link a Lezione 1, Lezione 2 e Lezione 3.

 

  • franco - July 20, 2017 - 4:07 pm

    Sigh!!!!

    Mi manchi….

    A quando le successive lezioni?ReplyCancel

Composizione fotografica

Vi siete mai chiesti perchè il sensore ha quel rapporto tra altezza e larghezza? E perchè è più largo che alto?
Lo sapevate che la “lettura” di una fotografia è influenza da molti fattori, alcuni di cui culturali? Ad esempio una fotografia piacevole dal punto di vista della composizione per alcune culture non lo è per altre a prescindere dal contenuto?

Se faticate a prendere sonno, queste ed altre mirabolanti rivelazioni sul magico mondo della composizione fotografica nella terza lezione del corso base di fotografia di ritratto di FuoriFuocoStudio.it che sarei poi io stesso medesimo.

Buon divertimento e buona notte!

E se proprio Morfeo non vi visita, provate con la Lezione 1 e la Lezione 2!

Colpo di grazia, la pagina Facebook di FuoriFuocoStudio.