9+1 cose 10 da non fare con Photoshop in fotografia di matrimonio

Ormai il danno è fatto.
L’iPhone ce l’hanno tutti.
Anche quelli che si lamentano che non arrivano a fine mese, quelli che lavano la carta igienica.

L’oggetto in se non è il male (assoluto) ma porta in se il seme del maligno: INSTAGRAM.
Il problema non è quindi che tutti hanno un iPhone ma che tutti hanno instagram.
Tutto è ciclico diceva il mio prof. di istituzioni di economia. Per quello conservo ancorai pantaloni a zampa di vellutone a coste del mio vecchio babbo: nel corso degli anni sono stato uno sfigato, un precursore, uno alla moda, un gadano, un nostalgico, uno trendy,un new dandy, un démodé, uno squattrinato. Sempre con lo stesso paio di pantaloni.
Se pastrugnare le fotografie è una pratica che esiste dalla notte dei tempi quando si interveniva sul negativo con pennellino e colori oggi è però un fenomeno di massa sopratutto grazie alla suddetta applicazione.
Pare che siano tornati di moda colori e sfumature di pellicolacce da 4 soldi. Non è la prima volta che accade. Ricordo di gente che faceva scadere le pellicole per ottenere gli effetti più strani. A un certo punto c’è stata la caccia alle pellicole scadute, addirittura i negozi vendevano pellicole scadute e se andavi in piazza Vetra a Milano uno poteva chiederti un limone e offrirti delle Velvia scadute appese dentro l’impermeabile.

Tutto è ciclico solo che oggi è digitale.

Ecco quindi lo spunto al post che stai leggendo. Se sei un appassionato di fotografia e sicuramente lo sei perché oggi TUTTI sono appassionati di fotografia, se hai un computer ed hai COMPRATO su filestube la tua bella licenza di Photoshop, sai già cosa voglio dirti. Il fatto che ti stai un po’ vergognando è perché ti senti colpevole: bene, sei sulla strada della redenzione.

Ci siamo, di seguito tutto quello che NON devi fare a una fotografia con Photoshop.

10 – Tutto in bn/sepia

Si va bene. Do atto. Il bianco e nero può avere un certo fascino. Può anche essere utile ad esempio nel caso di sorgenti luminose con temperatura colore differente. Non vorrei avanzare ipotesi azzardate ma credo il mondo sia a colori. La realtà è a colori. Ok, il BN è più espressivo? Va bene, mi hai convinto. Stasera ti aspetto però con il tuo LED 50″ a colori, ho pronto per te un bel Mivar 14″ coi tastoni a spinta e la sintonia sul tasto. Indovina? E’ un tv molto espressivo. In BN. Il sepia… perchè? Perchè? Percheeeeeeeeeeeeeè!!!

9 – Stravolgere completamente fisionomia e tratti somatici col filtro fluidifica

Anche qui sei caduto vittima di quel video di iutub che prende la bruttazza e la trasforma in una legna da cinema. E allora via a gonfiare tette fino alla 7ma, stringere fianchi alla cugina magra di Kate Moss e via dicendo. Sei sulla buona strada per finire su Photoshop disaster

8 – Occhi e/o denti ajax tornado bianco

Si certo, accendere un po’  il volto della sposa schiarendo il bianco degli occhi. Magari dare una sbiancata ai denti. Certo se poi pare il manifesto del quarto episodio della saga di Twilight, prova a chiederti se non hai esagerato con la desaturazione.

7 – Aggiunta cornici

Le cornici sono fatte per i quadri, per le cose che vuoi appendere alla parete. Perchè vuoi distruggere una foto con un finto mogano o l’effetto carta strappata? Perchè vuoi mettere bottoni e farfalle, ancora peggio cuoricini tutt’intorno ai malcapitati sposi? Lo so, sei tentato dal supervignettato, dagli angoli sfumati, dai bordi disegnati col colpo di penello. Resisti.

6 – Uno qualunque dei filtri artistici

Si, ok, ci abbiamo giocato all’inizio e siamo rimasti sorpresi da charckoal, sketch, emboss. Ma un conto è trasare tempo e cpu, un conto è vendere porcherie come il frutto della tua creatività. Mi spiace, so di dare un dispiacere a taluni, ma scegliere una voce da un menù, ha poco di creativo e/o artistico

5 – Sdoppiare la sposa

Per far sembrare lo sposo un gran ficador, hai pensato di sdoppiare o addirittura triplicare la sposa. Una che si appoggia a una spalla, una ai suoi piedi, una che sbuca da dietro. In Russia vanno un sacco ste cose. Se sei per il “destination wedding”, reggi bene alcool e freddo e non temi di essere accoltellato in un’izba da una donna con una pistola tatuata sul braccio, potresti anche farne il tuo marchio di fabbrica.

4 – Fusione di due o più foto

Ti sei dimenticato di fare la foto agli sposi con dietro il castello che ci tenevano tantissimo. E allora poco male ripassi o prendi qualcosa di repertorio, la apri in PS, ci spatacchi sopra quella con gli sposi, scancelli e sfumi qualcosa e ualà! E allora se funziona percè limitarsi. Vai, spatazzare svariate foto degli sposi in ordine sparso, quelle dove lui ride, finge di piangere, fa la linguaccia, tutto a creare la versione nuziale di un agghiacciante Giano Bifronte.

3 – Pelle effetto cicciobello

Non so se l’hai cercato o bighellonando su iutub hai trovato uno di quei tutorial per rendere liscia la pelle con qualche filtro high pass o con un bel gaussian blur e qualche metodo di fusione. Fatto sta che spianare il viso della novella tipo cazzuolate di cerone per trasformarla in una specie di cicciobello truccato da marilyn manson potrebbe non essere la soluzione migliore per farti delle amiche. Magari per diventare famoso tra i cosplayer o tra qualche comunità francese di mimi. Vacci piano con quegli slider. E riguardati il tutorial.

2 – Cielo soprassaturo

Bene, hai scoperto questo slider che ti consente di rendere il naturale azzurro del cielo di un bel blu intenso. E quindi ne abusi a tuo piacimento. Chiaro, se becchi una in disco che ci sta, non è che ti fermi al limone, cerchi di portare a casa quanto piu risultato possibile anche perche quando ti ricapita.
Mentre la tipa è probabile che tu non la riveda per il prossimo decennio, la foto, finirà sul tuo pc, sul tuo sito, sulla tua pagina face, sull’album degli sposi in rigoroso ordine di terribilità.
Pensaci e muovi piano il mouse. E goditi il sereno.

1- Desaturazione selettiva

Visto che il bouquet è di rose di un intenso rosso scarlatto, perchè non applicare quell’effetto che hai visto su flickr (probabimente di un matrimonio giapponese) dove tutto è in bianco e nero tranne i fiori?
Lo stupore iniziale di aver scoperto come il computer con il giusto software sia una macchina che consente molto più che scaricare gli mp3 zozzi aggratise, dovrebbe lasciare presto, prestissimo spazio al buon gusto.
Non desaturare nulla, specialmente se ci sono dei fiori…
Ti lascio con due piccoli bonus che non hanno necessariamente a che fare con Photoshop e riguardano di piu la fase di ripresa:

Cambio dimensioni/Finta prospettiva

Allora, escludendo gli estremi in cui c’è chi ha fatto mestiere del gusto dell’orrido e chi sa farne un uso veramente creativo, in mezzo c’è tutto un sotto bosco di gente che violenta la prospettiva con cose tipo faccio finta di tenere su la torre di Pisa o si infila la torre eiffel nel popò.
Finisce insieme a tramonti, fiori e gatti: non lo fare piu.

Stampa cuore

Un’altra cosa che non devi mai fare è stampare qualunque foto su qualunque supporto se questo è a forma di cuore. Sto parlando di cuscini, tappetini del mouse, tendine parasole su cui una volta ci andava marylin. Neppure valgono tutte le sotto categorie tipo mug con stampa a forma di cuore e via dicendo.

 

Bene, ricorda di stamparti questo post e portarlo sempre con te. Ma soprattutto attaccalo sopra il monitor e leggilo ogni volta che apri phostoshop e ogni sera prima di andare a letto.

Ed è fondamentale che tu condivida con chiunque il post stesso. Altrimenti ti viene il naso rosso. Tutto il resto in B/N.

  • Luca - May 13, 2013 - 11:47 am

    …per curiosità, a titolo di quale competenza dispensi queste simpatiche perle di saggezza?ReplyCancel

    • CiCCiO - May 13, 2013 - 12:27 pm

      A titolo di competenza che ci mantengo la famiglia facendo fotografie ai matrimoni. Sorry per i tuoi desaturati selettivi.ReplyCancel

  • luca - May 14, 2013 - 8:47 am

    Tranquillo, non c’è necessità che ti dispiaccia.
    Ho apprezzato il tuo post per l’ironia e la leggerezza con cui è scritto. Condivido alcune cose, altre meno e la mia era solo una curiosità. Rispetto la libertà di opinione e ogni tanto mi piace esprimere la mia e penso che i gusti personali siano apprezzabili se espressi a titoli di gusti personali, piuttosto che come regole del buon fare.
    Buona LuceReplyCancel

    • CiCCiO - May 14, 2013 - 9:27 am

      In quel MAI maiuscolo c’era tutta l’ironia del caso, il mondo è bello perchè vario e meno male!
      A presto !ReplyCancel

  • Pietro - July 9, 2014 - 9:04 pm

    Sei grandioso!!!!
    Tratti il tema con una semplicita’ sbalorditiva
    Complimenti

    PietroReplyCancel

Non do via la tua mail neanche sotto costrizione. I campi indicati purtroppo per te sono indispensabili. *

*

*