Vedere la luce

No, non è niente di mistico.

E’ solo che, secondo me, una bella foto nasce innanzitutto da una bella luce. Poi naturalmente c’è tutto il resto e hai detto ciccia.
Però questa luce, resta fondamentale capirla, usarla, piegarla ai propri desideri. Diffonderla, rifrangerla, bloccarla, ingrandirla, colorarla e così via.

Quando ero un giovine fotografo di matrimonio (cosa mai accaduta) mi portavo a casa regolarmente una 50ina di scatti del palmo della mia mano. Adesso la sorte ha detto male a Margherita che, in quanto autonoma negli spostamenti ed abile a recepire le indicazioni  si becca ad ogni matri i miei mettiti la, girati, di più, di meno, di tre quarti, vicina, lontana e così via.

Si porta a casa quindi un bel servizio a volta. Dallo stesso, traspare tutto l’entusiasmo che spesso colpisce il fotografo quando passa dall’altra parte della barricata…

Contenta Marghe? Non scrivere vaccate nei commenti che siamo sull’internet…

Eccola:

4 Replies to “Vedere la luce”

  1. MI T’AMASs!!!8) a parte il fatto che ti porti una modesta e strafighissima assistente…che tra l’altro ho appena scoperto veste ai matrimoni come Pippa(Max è la sorella di Kate per essere chiari!!)…inoltre posso dire che ho delle capacità espressive invidiabili..25 modi per mostrare il disappunto davanti alla telecamera!Lasciamo stare invece il vecchio canuto che ogni tanto cerca di rubarmi la scena..gli lascio i suoi momenti di gloria:))).
    Va beh un bravo posso dirtelo..In qualche foto sembro quasi una bella fiola!!!Grassssie

  2. A parte che la Marghe sarebbe il biglietto da visita ideale per ogni fotografo, nell’ultima il flash non le giova al volto.

    PS. Scattate tutti e due con full frame. Vi trovate bene uguale quando la messa a fuoco deve essere lampo? Io preferisco la 7D.

  3. Si hai ragione, tieni presente che sono appunto tutte prove!
    Si, scattiamo in FF. Per quanto riguarda la messa a fuoco, il punto centrale delle 5d con ottiche luminose soprattutto a tutta apertura fa il suo mestiere. Non so cosa vada cercando chi si lamenta della lentezza dell’autofocus della 5d. Una grossa differenza la fa l’ottica: quando ero giovvine, avevo un sigma 24-70 HSM DC f/2.8
    Erano più gli scatti che perdevo che quelli che portavo a casa.
    Con il Canon 24-70 è tutto un’altro universo.
    Rispetto alla 7d, onestamente, non vedo questa grande differenza a livello di precisione e velocità di fuoco.
    Però, ribadisco, io uso solo il centrale (che è più sensibile e preciso degli altri punti): non voglio rischiare che la candelina sullo sfondo mi rubi il fuoco mentre la sposa sta venendo verso l’altare. Un’altra cosa: scattando praticamente sempre a tutta apertura, vuoi per le condizioni di scarsa luce, vuoi perchè per me il ritratto è da f/2.8 in su, io voglio che gli occhi siano a fuoco, al limite l’occhio più vicino alla fotocamera se c’è da scendere a un compromesso. quindi centrale di nuovo, focheggio sugli occhi e ricompongo.
    Quindi centrale, centrale, centrale.
    E andrai avvincere!!!

  4. A parte che ho visto dal video che la 7D ce l’hai :), hai solo l’imbarazzo della scelta.

    A me, al di là dell’autofocus, fa comodo anche il crop 1.6, il mirino a 19 punti, gli 8fps al secondo… e via dicendo, ma è pur vero che tra la fotografia sportiva/azione e quella di matrimonio/studio non ci sono le stesse esigenze.

    Ad ogni modo anche io scatto sempre con l’AF centrale.

    Ciao, ti seguo.

Comments are closed.